Bio

Nato a Cagliari, Marco fotografa da quando aveva 11 anni, prima con la pellicola, intensificando poi l'attività con il digitale. Dal 2010, dopo aver frequentato i corsi di racconto per immagini, avviamento alla professione e master di reportage della scuola di fotografia Graffiti di Roma, partecipa a reportage in Palestina, Myanmar, Perù e India.
Come fotografo freelance Marco ha partecipato con le sue foto a mostre, pubblicazioni patrocinate dal Comune di Roma e ha collaborato con il web magazine Viaggi24-ilsole24ore.
Come fotoreporter si occupa principalmente di temi sociali.
A un suo reportage sulla comunità islamica bengalese a Roma, viene assegnato da Paolo Pellegrin (Magnum), giudice unico del concorso, il primo premio ex aequo della prima edizione (2012) della borsa di studio "Rolando Fava".
Marco vive a Roma, collabora con l'agenzia Graffiti Press e con la Scuola di Fotografia Graffiti.

"A me le foto interessano come collante delle relazioni umane, o come testimonianza delle situazioni. Non è che a me le persone interessino per fotografarle, mi interessano perché esistono" (Mario Dondero)